Thursday, November 27, 2014

Thursday Text: PELLICOLE DI CARTA. Da Gogol' a Tim Burton: Quindici romanzi al cinema

Today, I'd like to share from page 55 of Pellicole di Carta (ISBN: 9788896120040) a compilation of writings by various contributors of book-to-film adaptions. I bought the book in November last year when I was in Rome, Italy, at a publishers' book festival Più libri più liberi (check out this post) at the Palazzo dei Congressi. 

I added this book to my personal library because it would be interesting to read in Italian, the thoughts about the power of words brought together by two artistic worlds: between literature and cinema, between book writers and film directors; about novels being brought to life the second time, metamorphosing from text to image. 

My friend from the Press Office of National Central Library of Rome, Gianluca Parisi, bought it and I followed his recommendation. We bought this together.

So here it is, a page from the book and I selected the story of Alice's Adventures in Wonderland (Alice nel Paese delle Meraviglie) by Lewis Carroll. This chapter is written by Nicla Pavesi. Have fun with Italian!

ALICE IN WONDERLAND

Alice's Adventures in Wonderland ha dato origine a molte trasposizioni cinematografiche, la prima addirittura nel 1903; sicuramente indimenticata la versione come cartone animato della Disney nel 1951. L'ultimo regista che si è cimentato in quest'opera è Tim Burton con Alice in Wonderland, uscito in Italia il 3 marzo 2010.

Gli interpreti principali del film sono: Mia Wasikowska (Alice), Johnny Depp (il Cappellaio Matto), Helena Bonham Carter (la Regina Rossa), Anne Hathaway (la Regina Bianca), Michael Sheen (il doppiatore del Bianconiglio), Stephen Fry (la voce dello Stregatto) e Crispin Glover (il Fante di Cuori).

La versione di Tim Burton si discosta moltissimo dal romanzo di Carroll; prima di tutto Alice è molto più grande: non ha più sette anni ma ben diciannove. Non ricorda più nulla delle sue avventure nel Paese delle Meraviglie avvenute dodici anni prima, ma ogni notte è perseguitata questi incubi a cui lei non riesce a dare alcuna spiegazione. In seguito alle morte dell'amato padre, si reca con la madre a una festa, che si scopre essere quella del suo fidanzamento! Infatti durante i festeggiamenti, Lord Hamish Ascot le chiede di sposarlo e Alice, ignara di tutto, non sa come gestire la situazione. Decide allora di inseguire nel bosco un curioso coniglio che aveva già visto in precedenza: il Bianconiglio. Lo rincorre e lo vede gettarsi in una buca ai piedi di un piccolo arbusto; Alice si sporge all'interno e vi cade dentro.

Le scene seguenti (la caduta nel tunnel, la bottiglietta con la scritta "bevimi"; ecc.) sono fedeli all'originale; quando Alice riesce finalmente a entrare nel giardino, incontra il Bianconiglio, il Ghiro, il Dodo, Pancopinco e Pincopanco che parlano di lei come se fosse una salvatrice e chiamano il Paese delle Meraviglie "Sottomondo". Alcuni di loro però appaiono dubbiosi, non sono convinti che si tratti della vera Alice; la ragazza è naturalmente sempre più stupefatta, non riesce a seguire i loro discorsi.

Per risolvere il dilemma sull'identità di Alice, il gruppetto decide di recarsi dal Brucaliffo, una sorta di Oraculum; questi rivela che il destino di Alice è uccidere il Ciciarampa, un mostro sanguinario al servizio della Regina Rossa (Iracebeth), nel Giorno gioiglorioso e di liberarli così dall'oppressione della Regina Rossa. Lo stesso Brucaliffo osserva però che la ragazza che si trova di fronte non assomiglia quasi affatto alla vera Alice.

Last week's Thursday Text: SANDOKAN LANUN MALAYSIA, by Emilio Salgari

***

P/S: For more updates, LIKE me on my Facebook pages at Alice Teh and The Weekend Traveler, OR FOLLOW me on Twitter and Instagram. See you there!